Limitare i pasti all’inizio della giornata non ha influenzato il peso tra gli adulti in sovrappeso con prediabete o diabete, secondo una ricerca preliminare  presentata alle sessioni scientifiche 2020 dell’American Heart Association.

L’incontro virtuale da venerdì 13 novembre a martedì novembre 17, 2020, è un importante scambio globale dei più recenti progressi scientifici, della ricerca e degli aggiornamenti della pratica clinica basati sull’evidenza nella scienza cardiovascolare per l’assistenza sanitaria in tutto il mondo.

“Ci siamo chiesti per molto tempo se il momento in cui si mangia durante il giorno influisca sul modo in cui il corpo utilizza e immagazzina energia”, ha detto l’auttice dello studio Nisa M. Maruthur, MD, MHS, professoressa associata di Medicina, Epidemiologia e Infermieristica presso la Johns Hopkins University a Baltimora.

“La maggior parte degli studi precedenti non ha controllato il numero di calorie, quindi non era chiaro se le persone che mangiavano nella prima parte della giornata mangiavano solo meno calorie. In questo studio, l’unica cosa che abbiamo cambiato è stata l’ora del giorno in cui mangiamo”.

Maruthur e colleghi hanno seguito 41 adulti in sovrappeso in uno studio di 12 settimane. La maggior parte dei partecipanti (90%) erano donne di colore con prediabete o diabete e un’età media di 59 anni. Ventuno degli adulti hanno seguito uno schema alimentare limitato nel tempo, limitando il consumo a determinate ore del giorno e mangiando l’80% delle calorie prima delle 13:00. I restanti 20 partecipanti hanno mangiato ai soliti orari durante una finestra di 12 ore, consumando metà delle loro calorie giornaliere dopo le 17:00. per tutte le 12 settimane. Tutti i partecipanti hanno consumato gli stessi pasti sani e pre-preparati forniti per lo studio. Il peso e la pressione sanguigna sono stati misurati all’inizio dello studio; poi a 4 settimane, 8 settimane e 12 settimane.

L’analisi ha rilevato che le persone in entrambi i gruppi hanno perso peso e hanno avuto una diminuzione della pressione sanguigna indipendentemente da quando hanno mangiato.

“Abbiamo pensato che il gruppo a tempo limitato avrebbe perso più peso”, ha detto Maruthur. “Eppure non è successo. Non abbiamo visto alcuna differenza nella perdita di peso per coloro che hanno mangiato la maggior parte delle loro calorie nella prima parte della giornata rispetto a quelle che le hanno consumate più tardi nel corso della giornata. Non abbiamo visto alcun effetto neanche sulla pressione sanguigna “.

I ricercatori stanno ora raccogliendo informazioni più dettagliate sulla pressione sanguigna registrata nelle 24 ore e raccoglieranno queste informazioni con i risultati di uno studio sugli effetti dell’alimentazione a tempo limitato su zucchero nel sangue, insulina e altri ormoni.

“Insieme, questi risultati ci aiuteranno a comprendere più pienamente gli effetti del consumo limitato nel tempo sulla salute cardiometabolica”, ha detto Maruthur.

Fonte: American Heart Association