Meditare anche solo una volta fa la differenza.

Se dimentichi facilmente le cose o commetti errori quando sei di fretta, un nuovo studio della Michigan State University, il più grande del suo genere fino ad oggi, ti può essere d’aiuto: ha scoperto infatti che la meditazione potrebbe aiutarti a diventare meno incline all’errore.

La ricerca, pubblicata su Brain Sciences, ha testato come la meditazione di monitoraggio aperta – una meditazione che focalizza la consapevolezza su sentimenti, pensieri o sensazioni mentre si dispiegano nella mente e nel corpo, senza giudicarli – alterasse l’attività cerebrale in un modo che suggerisce un maggiore riconoscimento degli errori.

“L’interesse delle persone per la meditazione e la mindfulness sta superando ciò che la scienza può dimostrare in termini di effetti e benefici”, ha affermato Jeff Lin, candidato al dottorato in psicologia MSU e coautore dello studio. “Ma è sorprendente per me che siamo stati in grado di vedere come una sessione di meditazione guidata può produrre cambiamenti nell’attività cerebrale nelle persone che solitamente non meditano”.

I risultati suggeriscono che diverse forme di meditazione possono avere diversi effetti neurocognitivi e Lin ha spiegato che ci sono poche ricerche su come la meditazione di monitoraggio aperto influisca sul riconoscimento degli errori.

“Alcune forme di meditazione ti fanno concentrare su un singolo oggetto, comunemente il tuo respiro, ma la meditazione di monitoraggio aperto è un po’ diversa”, ha detto Lin. “Ti fa sintonizzare verso l’interno e prestare attenzione a tutto ciò che accade nella tua mente e nel tuo corpo. L’obiettivo è quello di sederti in silenzio e prestare molta attenzione a dove viaggia la mente (come se fossi uno spettatore dei tuoi stessi pensieri), senza essere troppo coinvolto nello scenario”.

Lin e i suoi coautori MSU – William Eckerle, Ling Peng e Jason Moser – hanno reclutato più di 200 partecipanti per testare come la meditazione di monitoraggio aperto infkuenzasse il modo in cui le persone rilevano e rispondono agli errori.

I partecipanti, che non avevano mai meditato prima, sono stati condotti attraverso un esercizio di meditazione di monitoraggio aperto di 20 minuti mentre i ricercatori misuravano l’attività cerebrale attraverso l’elettroencefalografia o EEG. Quindi, hanno completato un test di distrazione computerizzato.

“I risultati ottenuti sono una forte dimostrazione di ciò che solo 20 minuti di meditazione possono fare per migliorare la capacità del cervello di rilevare e prestare attenzione agli errori”, ha detto Moser. “Ci fa sentire più sicuri di ciò che la meditazione consapevole potrebbe davvero essere in grado di fare per le prestazioni e il funzionamento quotidiano proprio lì nel momento presente.”

 

 

Mentre la meditazione e la mindfulness hanno guadagnato l’interesse principale negli ultimi anni, Lin fa parte di un gruppo relativamente piccolo di ricercatori che adotta un approccio neuroscientifico per valutare i loro effetti psicologici e sulle prestazioni.

Guardando al futuro, Lin ha affermato che la prossima fase della ricerca sarà quella di includere un gruppo più ampio di partecipanti, testare diverse forme di meditazione e determinare se i cambiamenti nell’attività cerebrale possono tradursi in cambiamenti comportamentali con una pratica più a lungo termine.

“È bello vedere l’entusiasmo del pubblico per la mindfulness, ma c’è ancora molto lavoro da fare da una prospettiva scientifica per capire i benefici che può avere e, cosa altrettanto importante, come funziona effettivamente”, ha detto Lin. “È ora di iniziare a guardarlo attraverso una lente più rigorosa”.

 

Se vuoi sapere come praticare per 20 minuti la meditazione, clicca qui.

 

 

Fonte: Michigan State University