Per fare questi cracker ho messo insieme dei chicchi che avevo nella dispensa: avevo voglia di un po’ di “pane” per accompagnare i miei legumi, ma avevo anche poco tempo a disposizione. Così ho visto quello che c’era nei vari barattoli, ho macinato i chicchi, li ho mescolati a un po’ di acqua e sale marino e, dopo averli velocemente stesi su un foglio di carta da forno in una teglia, li ho infornati a 180° per circa 10 minuti. Si sono cotti nel tempo in cui ho mangiato l’insalata che mi serviva per aprire il pasto. Ne ho presi un po’ e lasciato gli altri ad essiccare meglio in forno, togliendoli solo quando il forno si è raffreddato (se si asciugano meglio, si conservano di più).
Li ho trovati buoni, croccanti e veloci da prepararsi. Ma ecco qui la ricetta completa.

Ingredienti

50 gr di quinoa
50 gr di miglio bruno
50 gr di teff
Acqua q.b.
1 pizzico di sale marino integrale

Preparazione

Macinare con un macina cereali (o con un mixer/robot da cucina potente) il miglio, il teff e la quinoa, in modo da farne farina. Aggiungere l’acqua e il sale e girare col cucchiaio per ottenere un impasto morbido e un po’ appiccicoso. Stenderlo su una teglia antiaderente (o su carta da forno) in uno spessore molto fine, aiutandosi col cucchiaio. Mettere in forno a 180° per circa 10 minuti. Spegnere e lasciar raffreddare un po’. A questo punto toglierli dal forno e tagliarli a pezzetti con le mani (se si vuole un risultato più ordinato, basta passare con un coltello sull’impasto prima di infornare, con dei tagli perpendicolari, a mo’ di rete: in questo modo si staccano quadrettati).
L’alternativa è utilizzare, al posto del forno, un essiccatore, che si può impostare a 40° e lasciare acceso per 16 ore.

Il libro della Psicoalimentaizone, con tante ricette Kousmine. Clicca sulla foto