I cibi fritti in olio vegetale sono popolari in tutto il mondo, ma la ricerca sugli effetti sulla salute di questa tecnica di cottura è stata in gran parte inconcludente e focalizzata su persone sane. Per la prima volta, scienziati del UMass Amherst hanno iniziato a esaminare l’impatto del consumo di olio di frittura sulla malattia infiammatoria intestinale (IBD) e sul cancro del colon.
Nel loro articolo pubblicato il 23 agosto in Cancer Prevention Research,  lo studente Jianan Zhang, il professore associato Guodong Zhang e il professore e capo dipartimento Eric Decker hanno dimostrato che in presenza di condizioni patologiche dell’intestino, l’olio della frittura peggiora l’infiammazione del colon, rende più probabile la crescita del tumore,  ed aggrava  la perdita di tesuto intestinale, diffondendo batteri o prodotti batterici tossici nel flusso sanguigno.

“Le persone con infiammazione del colon o il cancro del colon dovrebbero essere consapevoli di questa ricerca”, afferma Jianan Zhang.
Guodong Zhang, il cui laboratorio di Scienze dell’Alimentazione si concentra sulla scoperta di nuovi bersagli cellulari nel trattamento del cancro del colon e su come ridurre i rischi di IBD, sottolinea che “non è il nostro messaggio che friggere l’olio può causare il cancro. Piuttosto, la nuova ricerca suggerisce che mangiare cibi fritti può esacerbare e far progredire le condizioni patologiche del colon. Negli Stati Uniti, molte persone hanno queste malattie, ma molte di esse mangiano ancora fast food e cibi fritti”, afferma Guodong Zhang. “Se qualcuno ha l’IBD o il cancro al colon e mangia questo tipo di cibo, c’è la probabilità che questo renda le malattie più aggressive”.

Fonte: University of Massachusetts Amherst