Il tuo colesterolo e altri fattori legati alla salute cardiovascolare possono essere influenzati dai batteri nella tua pancia.

I circa 38 trilioni di batteri che risiedono in profondità nel tuo intestino svolgono molti compiti importanti. Conosciuto collettivamente come il microbiota intestinale, questi microbi aiutano a digerire il cibo, metabolizzare i farmaci e proteggerti dagli organismi infettivi.

In molti modi, il tuo microbiota intestinale, che pesa circa mezzo chilo in totale, funziona in qualche modo come un organo distinto del tuo corpo. Proprio come hai un genoma unico, hai anche un microbioma intestinale unico, composto da circa otto milioni di geni che controllano il tuo microbiota. Gli scienziati stanno ancora imparando come la composizione e la diversità del microbiota intestinale influenzano la salute del sistema cardiovascolare.

Il microbiota intestinale è connesso con il colesterolo?

Una recente scoperta riguarda un gruppo di batteri intestinali che possono abbassare il colesterolo nell’intestino. Dall’inizio del 1900, gli scienziati sapevano che i batteri intestinali potevano trasformare il colesterolo in un composto chiamato coprostanolo, ma non sapevano quale specie lo stesse facendo. I ricercatori hanno quindi analizzato campioni di feci di 3.079 persone per caratterizzare il loro microbiota intestinale e poi hanno sequenziato quasi sei milioni di geni microbici.

Hanno scoperto che le persone con un gene che hanno soprannominato IsmA nel loro microbiota espellono fino al 75% in meno di colesterolo nelle feci rispetto alle persone che non portano quel gene batterico. La presenza di questo gene (che produce enzimi che metabolizzano il colesterolo) è stata anche collegata a livelli di colesterolo nel sangue più bassi nei partecipanti. I risultati, pubblicati lo scorso anno sulla rivista Cell Host and Microbe, potrebbero aiutare a spiegare perché alcune persone possono consumare più colesterolo nella loro dieta con un effetto relativamente scarso sui loro livelli di colesterolo nel sangue.

“I risultati danno maggiore supporto al concetto che la modifica del microbiota potrebbe avere un effetto terapeutico”, afferma il coautore dello studio, il dott. Stanley Shaw, cardiologo al Brigham and Women’s Hospital e preside associato per l’istruzione esecutiva presso la Harvard Medical School. Ma una terapia basata sul microbiota per le malattie cardiache è ancora lontana anni, avverte.

In teoria, questa futura terapia potrebbe aiutare a introdurre direttamente gli enzimi che metabolizzano il colesterolo nell’intestino o ad aumentare le popolazioni di quei batteri che abbassano il colesterolo attraverso la dieta, i probiotici o un altro metodo. (I probiotici sono batteri benefici che si trovano in alcuni alimenti come lo yogurt, così come in alcuni integratori). “Ma capire l’approccio migliore è ancora abbastanza misterioso, poiché non possiamo prevedere in modo affidabile se i batteri appena introdotti colonizzeranno effettivamente l’intestino “, osserva il dottor Shaw.

Differenze di microbiota

Il microbiota sembra influenzare ulteriori fattori associati alla salute del cuore, tra cui peso corporeo, pressione sanguigna, diabete e infiammazione. Ad esempio, le persone che sono naturalmente magre hanno un microbiota intestinale diverso rispetto alle persone in sovrappeso, probabilmente perché alcuni batteri estraggono più calorie da alcuni alimenti rispetto ad altri batteri. Allo stesso modo, le persone con pressione alta sembrano avere un microbiota meno diversificato (cioè meno specie) rispetto alle persone con pressione sanguigna normale.

Ma il problema con queste osservazioni è il vecchio enigma della “gallina o dell’uovo”.

“Le differenze nel microbiota causano il problema di salute o sono invece una reazione o un compenso da parte dell’organismo in risposta al problema?” dice il dottor Shaw.

La cosa intrigante del microbiota è che sembra fungere da intermediario per alcuni dei fattori dello stile di vita che hanno un effetto favorevole sulla salute cardiovascolare, afferma il dottor Shaw. Prendi le fibre alimentari, per esempio. Le diete ricche di fibre sembrano ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus fino al 30%. Alcuni di questi benefici possono derivare dalla capacità della fibra di aiutare ad eliminare il colesterolo dal corpo. Ma altri fattori potrebbero essere all’opera.

Nell’intestino, le fibre vengono scomposte dai batteri nel colon per formare acidi grassi a catena corta. Questi composti interagiscono con recettori specifici sulle cellule che regolano la pressione sanguigna, influenzano gli ormoni coinvolti nel diabete e attenuano l’infiammazione, tutti fattori che influenzano la salute cardiovascolare.

Il messaggio da portare a casa

Per ora, non ci sono consigli specifici per la salute del cuore relativi al microbiota intestinale. Tuttavia, le diete a base vegetale, che sono buone per le malattie cardiache, sembrano favorire un microbiota intestinale più diversificato (e più sano).
“Restate sintonizzati per i futuri progressi dalla complessa ma entusiasmante area della ricerca e delle terapie sui microbiomi”, afferma il Dr. Shaw.

Fonte: Harvard Medical School