Il digiuno intermittente è una strategia alimentare popolare studiata nei laboratori e praticata da molti. Ed è più di una moda passeggera. Limitare le calorie o i pasti può avere il potenziale per molti benefici, come la perdita di peso e il rischio ridotto di varie malattie. Non abbiamo molte prove, tuttavia, sull’effetto del digiuno intermittente sulla salute degli anziani.

Che cos’è il digiuno intermittente?

Il digiuno intermittente limita quando o quanto mangi – e talvolta entrambi. Esistono diversi approcci.

Nel digiuno a giorni alterni, mangi normalmente a giorni alterni. Nei giorni intermedi, mangi solo il 25% del fabbisogno calorico giornaliero, in un solo pasto. Quindi, se consumi 1.800 calorie il lunedì, il mercoledì e il venerdì, consumeresti un pasto da 450 calorie (e nient’altro) il martedì, giovedì e sabato.

Nell’approccio 5: 2, mangi normalmente per cinque giorni consecutivi; quindi per due giorni di seguito, mangi solo da 400 a 500 calorie al giorno.

Nell’approccio 16: 8, ogni giorno è lo stesso: digiuni 16 ore di seguito e poi mangi normalmente entro un periodo di otto ore, come tra le 9:00 e le 17:00.

Quali sono i vantaggi del digiuno intermittente?

I benefici del digiuno intermittente sembrano influenzare molti aspetti della salute. Questi effetti potrebbero teoricamente derivare dall’attivazione di un interruttore metabolico.

“Il digiuno porta a livelli più bassi di glicemia [zucchero nel sangue]. In risposta, il corpo usa il grasso invece del glucosio come fonte di energia, dopo aver trasformato il grasso in chetoni”, spiega la dietista registrata Kathy McManus, direttore del Dipartimento di Nutrizione di Brigham and Women’s Hospital, affiliato ad Harvard. Questo passaggio dal glucosio ai chetoni come fonte di energia cambia anche la chimica del corpo in modo sano.

Il digiuno regolare in alcuni studi è associato non solo alla perdita di peso, ma anche alla riduzione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, riduzione dell’insulino-resistenza, bassi livelli di colesterolo LDL “cattivo”, livelli di colesterolo HDL “buoni” e minore infiammazione. Alcuni studi hanno anche trovato miglioramento della memoria.

Il digiuno intermittente è anche associato a una durata di vita più lunga, almeno negli animali. Perché? Una recente ricerca di Harvard suggerisce che il digiuno intermittente può consentire ai motori che producono energia (mitocondri) di ogni cellula di produrre energia in modo più efficiente e rimanere in uno stato più giovane.

“Mangiando di giorno, non si sfidano i mitocondri di notte, quando dovrebbero fare altre cose”, spiega il Dr. William Mair, ricercatore e professore associato di genetica e malattie complesse all’Harvard T.H. Chan School of Public Health. “Ma abbiamo molte domande senza risposta.”

Rischi potenziali del digiuno

Sebbene il digiuno intermittente sia promettente, non abbiamo prove concrete dei benefici o di come il digiuno potrebbe influenzare le persone più anziane. Gli studi sull’uomo hanno riguardato principalmente piccoli gruppi di adulti giovani o di mezza età, solo per brevi periodi di tempo.

Ma sappiamo che il digiuno intermittente potrebbe essere rischioso in alcuni casi. “Se sei già al limite per quanto riguarda il peso corporeo, se perderai troppo peso, iquesto può influire sulle ossa, sul sistema immunitario generale e sul livello di energia”, afferma McManus.

La dott.ssa Suzanne Salamon, capo associato della gerontologia presso il Beth Israel Deaconess Medical Center, affiliato ad Harvard, esprime un’altra preoccupazione: “Per le persone che hanno bisogno di assumere farmaci con il cibo – per evitare nausea o irritazione allo stomaco – il digiuno potrebbe non andare bene. Inoltre, le persone che assumono farmaci per il cuore o per la pressione sanguigna possono avere maggiori probabilità di soffrire di squilibri pericolosi di potassio e sodio durante il digiuno“.

Il digiuno intermittente può anche essere dannoso se hai il diabete e hai bisogno di cibo in determinati momenti o assumi farmaci che influenzano il livello di zucchero nel sangue.

Vuoi ancora provarlo?

Se stai pensando di provare il digiuno intermittente, soprattutto se hai già condizioni di salute come diabete o malattie cardiache, parla con il tuo medico.

McManus consiglia di allentare la dieta. “Ridurre lentamente la finestra temporale che usiamo per mangiare, per un periodo di diversi mesi”, consiglia.

Inoltre: continuare il regime terapeutico come raccomandato dal medico. “L’assunzione di farmaci non rompe il digiuno, e neppure l’assunzione di bevande prive di calorie come acqua o caffè nero”, afferma il dott. Alexander Soukas, endocrinologo e genetista molecolare del Massachusetts General Hospital affiliato ad Harvard.

E se hai bisogno di cibo con i farmaci? “Forse puoi provare un digiuno modificato. Sospetto che farebbe comunque molto bene alle persone in sovrappeso“, afferma il dottor Salamon. “Lavora con il tuo medico su un piano che andrà a beneficio della tua salute senza rischiare.”

Dieta detox con il semi-digiuno Kousmine. Clicca sulla foto per saperne di più!

 

 

Fonte: Harvard University