Gli scienziati dividono il sonno in due tipi principali: sonno REM (movimento rapido degli occhi) o sonno con i sogni e sonno non REM o tranquillo. Sorprendentemente, sono diversi gli uni dagli altri come ognuno lo è dal risveglio, ma entrambi possono essere importanti per l’energia.

Il sonno non REM prevede tre fasi. Gli specialisti del sonno ritengono che l’ultimo di loro, noto come sonno profondo o sonno a onde lente, sia il momento principale in cui il tuo corpo si rinnova e si ripara. Questa fase del sonno sembra essere quella che svolge il ruolo più importante per l’energia, migliorando la tua capacità di produrre ATP, la molecola energetica del corpo. Nel sonno profondo, il flusso sanguigno è diretto meno verso il cervello, che si raffredda in modo misurabile. All’inizio di questa fase, la ghiandola pituitaria rilascia un impulso dell’ormone della crescita che stimola la crescita dei tessuti e la riparazione muscolare. I ricercatori hanno anche rilevato un aumento dei livelli ematici di sostanze che attivano il sistema immunitario, aumentando la possibilità che il sonno profondo aiuti a preparare il corpo a difendersi dalle infezioni.
Qualcuno il cui sonno profondo è limitato si sveglierà sentendosi meno riposato di una persona che ha avuto un sonno profondo adeguato. Quando una persona priva di sonno riesce a dormire un po’, passerà rapidamente attraverso le fasi del sonno più leggero a quelle più profonde e trascorrerà una maggior parte del tempo lì, suggerendo che il sonno profondo svolge un ruolo essenziale nel funzionamento ottimale di una persona.

Proprio come il sonno profondo ripristina il tuo corpo, gli scienziati ritengono che il sonno REM ripristini la tua mente, forse in parte aiutando a eliminare le informazioni irrilevanti. Gli studi sulla capacità degli studenti di risolvere un puzzle complesso che coinvolge forme astratte suggeriscono che il cervello elabora le informazioni dall’oggi al domani; gli studenti che hanno dormito bene la notte dopo aver visto il puzzle se la sono cavata molto meglio di quelli a cui è stato chiesto di risolverlo immediatamente. Altri studi, della Harvard Medical School e altrove, hanno scoperto che il sonno REM facilita l’apprendimento e la memoria. Le persone che sono state testate per misurare quanto bene avevano appreso un nuovo compito hanno migliorato i loro punteggi dopo una notte di sonno. Se veniva impedito loro di avere il sonno REM, i miglioramenti andavano persi. Al contrario, se sono stati svegliati un numero uguale di volte dal sonno profondo, i miglioramenti nei punteggi non sono stati influenzati.

Ci sono anche prove emergenti che dormire abbastanza nella fase REM può aiutare a preservare la memoria e le funzioni cognitive con l’avanzare dell’età.

Fonte: Harvard Medical School