Una nuova ricerca scopre nuove prove che suggeriscono che l’esposizione frequente a emozioni negative può avere un impatto importante sul funzionamento del sistema immunitario.

Molti studi hanno dimostrato che l’esposizione cronica a stress, ansia e stati d’animo negativi in ​​genere può influire in larga misura sulla salute fisica.
Come riportato da Medical News Today solo l’anno scorso, i ricercatori hanno scoperto che lo stress cronico ha un impatto negativo sulla memoria.
Inoltre, i sentimenti di angoscia possono aumentare il rischio di eventi cardiovascolari, come l’ictus.

Ora, uno studio condotto da specialisti della Pennsylvania State University nello State College ha scoperto che gli stati d’animo negativi possono cambiare il modo in cui funziona la risposta immunitaria e sono associati a un aumento del rischio di infiammazione esacerbata.

I risultati della ricerca, condotta da Jennifer Graham-Engeland, professoressa associata presso la Pennsylvania State University, appaiono sulla rivista Brain, Behaviour e Immunity.

Stati d’animo negativi e infiammazione

Gli scienziati hanno raccolto i dati per lo studio tramite un approccio a due livelli. Hanno usato questionari che chiedevano ai partecipanti di registrare i loro sentimenti nel tempo e nel momento. Queste valutazioni hanno permesso al team di mappare i profili emotivi dei partecipanti. Gli scienziati hanno anche valutato la risposta immunitaria dei volontari raccogliendo campioni di sangue  e cercando i marker dell’infiammazione.

L’infiammazione si verifica naturalmente, come parte della risposta immunitaria, quando il corpo reagisce a infezioni o ferite. Tuttavia, alti livelli di infiammazione sono associati a cattive condizioni di salute e a una serie di condizioni croniche, come l’artrite.

Graham-Engeland e il team hanno notato che le persone che hanno sperimentato stati d’animo negativi più volte al giorno per lunghi periodi di tempo tendevano ad avere livelli più elevati di biomarcatori dell’infiammazione nel sangue.

Gli scienziati hanno notato anche che se raccoglievano campioni di sangue dai partecipanti subito dopo aver sperimentato un’emozione negativa come tristezza o rabbia, i biomarcatori dell’infiammazione erano tanto più presenti nel sangue.

Invece sperimentare stati d’animo positivi, anche per un breve periodo prima della raccolta di un campione di sangue, è stato associato a livelli di infiammazione inferiori. Tuttavia, questo era vero solo per i partecipanti di sesso maschile a questo studio, specificano i ricercatori.

“Gli stati d’animo sono modificabili”

Gli scienziati sono fiduciosi che il loro studio aggiunga prove cruciali sull’impatto degli effetti negativi sulla salute, soprattutto perché i loro partecipanti appartenevano a diversi contesti etnici, razziali e socioeconomici.

Tuttavia, avvertono che per confermare questi risultati dovranno replicarli in ulteriori studi. Sottolineano che la recente ricerca è stata la prima a esplorare il legame tra rapporti sull’umore sia momentanei che a lungo termine e misure di infiammazione.

“Ci auguriamo che questa ricerca spinga i ricercatori a includere misure momentanee di stress e emozione nella ricerca che esamina l’infiammazione, per replicare i risultati attuali e aiutare a caratterizzare i meccanismi alla base delle associazioni tra emozione e infiammazione”, spiega Graham-Engeland.

In futuro, sperano che questo e studi simili possano consentire agli specialisti di elaborare strategie più efficaci per migliorare l’umore e quindi proteggere la salute fisica.

Fonte: Medical News Today