L’ipertensione colpisce il 30-45% degli adulti. Può portare a infarto e ictus. In realtà, è la principale causa globale di morte prematura. Sai cosa colpisce anche circa il 50% degli adulti? Parodontite. E ora è stato collegato all’ipertensione e, quindi, ad un aumentato rischio di infarto e ictus.
La parodontite, in poche parole, è solo una malattia gengivale. In genere è causata da batteri e può avere vari sintomi. Ad esempio, la parodontite può essere la causa dell’alitosi. D’altra parte, può anche causare la ritrazione delle gengive, la scoperta della radice del dente, la perdita ossea e la caduta dei denti. Questo è un grosso problema. E ora, come ha dimostrato questo nuovo studio dell’UCL, la parodontite può anche contribuire all’ipertensione, all’attacco di cuore e all’ictus.

Gli scienziati hanno scoperto che gli adulti con parodontite hanno tipicamente una pressione sistolica più alta di 4,5 mmHg e una pressione diastolica più alta di 2 mmHg rispetto a coloro che non soffrono di malattie gengivali. La parodontite da moderata a grave è associata ad un aumentato rischio del 22% di ipertensione, mentre la parodontite grave è collegata con una probabilità maggiore di ipertensione del 49%. Questi non sono numeri piccoli, intendiamoci. Solo un aumento di 5 mmHg della pressione arteriosa può essere collegato a un aumento del 25% del rischio di morte per infarto o ictus.
Ciò rafforza ulteriormente l’idea precedentemente affermata che il microbiota orale abbia un’influenza significativa sulla salute cardiovascolare. E poi abbiamo buone e cattive notizie. Le notizie buone  sono che la parodontite può essere trattata con una buona igiene e uno stile di vita sano. Le persone che fumano e non si lavano i denti hanno maggiori probabilità di contrarre la malattia. Dovresti usare il filo interdentale ogni giorno, spazzolarti almeno due volte al giorno e fare una regolare pulizia professionale dei denti regolarmente.

La cattiva notizia è che alcuni medicinali, il diabete, l’HIV e persino alcuni geni possono causare parodontite. E poi ci sono problemi con controlli medici generali. Il professor Francesco D’Aiuto, autore senior dello studio, ha dichiarato: “In molti paesi del mondo, la salute orale non viene controllata regolarmente e la malattia gengivale non viene trattata per molti anni. L’ipotesi è che questa situazione di infiammazione orale e sistemica e la risposta ai batteri si accumuli nel tempo, in aggiunta ai fattori di rischio esistenti ”.
Ulteriori studi sono già in programma per scoprire perché la parodontite provochi ipertensione o se le persone con ipertensione hanno maggiori probabilità di avere la parodontite. Tuttavia, è comunque una buona idea migliorare l’igiene dentale: nel migliore dei casi stai aiutando il tuo cuore a rimanere in salute. Nel peggiore dei casi, ti stai solo prendendo cura dei tuoi denti e della bocca.

Fonte: Technology.org