Gli esperti dell’Università di Birmingham hanno guidato un team di ricercatori in Gran Bretagna e Australia che hanno scoperto che mangiare “socialmente” (social eating) ha un effetto potente sull’aumento dell’assunzione di cibo rispetto al mangiare da soli, dopo aver valutato 42 studi esistenti di ricerca sul “social dining”.
Spiegano che gli antichi raccoglitori-cacciatori condividevano il cibo perché li proteggeva da periodi di insicurezza alimentare – questo meccanismo di sopravvivenza potrebbe ancora persistere oggi, portando le persone a mangiare di più con amici e familiari perché:

  • Mangiare con gli altri è più piacevole e una maggiore ricompensa emotiva  dal social eating  potrebbe aumentare il consumo di cibo.
  • Le norme sociali potrebbero “permettere” un eccesso di cibo in compagnia, ma sanzionarlo quando si mangia da soli.
  • Fornire cibo viene associato a lode e riconoscimento da parte di amici e familiari, rafforzando i legami sociali.

Il leader della ricerca, la dott.ssa Helen Ruddock, della School of Psychology dell’Università di Birmingham, ha commentato:

Psicoalimentati! Acquista il libro in forma digitale. Clicca sulla foto

“Abbiamo trovato prove evidenti che le persone mangiano più cibo quando cenano con amici e familiari rispetto a quando mangiano  da sole. Tuttavia, questo effetto di facilitazione sociale sul mangiare non è stato osservato negli studi che avevano esaminato l’assunzione di cibo tra persone che non si conoscevano bene. Perché questo? Le persone vogliono trasmettere impressioni positive agli estranei. La selezione di piccole porzioni può fornire un mezzo per farlo e questo può essere il motivo per cui l’agevolazione sociale del mangiare è meno pronunciata tra gruppi di estranei. I risultati di ricerche precedenti suggeriscono che spesso scegliamo cosa (e quanto) mangiare in base al tipo di impressione che vogliamo trasmettere su noi stessi. Le prove suggeriscono che ciò può essere particolarmente pronunciato per le donne che mangiano con gli uomini su cui  desiderano fare impressione e per le persone con obesità che desiderano evitare di essere giudicate per eccesso di cibo.”

Lo studio evidenzia che, come con molte altre specie, gli esseri umani tendono a condividere una risorsa alimentare comune. La maggior parte degli umani non sono più cacciatori-raccoglitori, ma meccanismi simili a quelli che un tempo servivano a un efficiente foraggiamento continuano a guidare il nostro comportamento dietetico.
La recente e rapida transizione verso un panorama dietetico in cui il cibo è abbondante ha creato forme di “discrepanza evolutiva” – le strategie di foraggiamento ereditate non servono più al loro scopo precedente.
I ricercatori osservano che, nel caso dell’agevolazione sociale, abbiamo ereditato un meccanismo che una volta garantiva un’equa distribuzione del cibo, ma ora esercita una forte influenza su assunzioni dietetiche non salutari.
Lo stesso processo è stato osservato in polli, ratti, gerbilli e altre specie, suggerendo che ha uno scopo ultimo. Gli individui competono per le risorse e la ricerca suggerisce che mangiare più degli altri probabilmente porterà all’ostracismo, che a sua volta riduce la sicurezza alimentare.

“Una soluzione a questa tensione potrebbe essere quella di mangiare almeno quanto gli altri nel gruppo: i singoli membri abbinano il loro comportamento agli altri, promuovendo un pasto più ampio di quello che altrimenti potrebbe essere consumato in assenza di questa competizione sociale”, ha commentato il dott. Ruddock.
“Quello che descriviamo come” facilitazione sociale “può essere visto come un sottoprodotto naturale della condivisione del cibo sociale – una strategia che avrebbe svolto una funzione critica nei nostri ambienti ancestrali. Questo spiega anche perché è più probabile che si verifichi in gruppi con individui che hanno familiarità tra loro.”

La Psicoalimentazione in pratica. Acquista il libro in formato digitale con lo sconto del 50%. Clicca sulla foto

Fonte: University of Birmingham