La perdita di peso è un trattamento efficace per l’apnea ostruttiva notturna (OSA -Obstructive Sleep Apnea), ma fino ad oggi non ne era chiaro il motivo. Ora, i ricercatori della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania hanno scoperto che i miglioramenti dei sintomi dell’apnea notturna sembrano essere collegati alla riduzione del grasso in una parte del corpo inaspettata: la lingua.
Utilizzando la risonanza magnetica (MRI) per misurare l’effetto della perdita di peso sulle vie aeree superiori nei pazienti obesi, i ricercatori hanno scoperto che la riduzione del grasso della lingua è un fattore primario nel ridurre la gravità dell’OSA. I risultati sono stati pubblicati sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.

“La maggior parte dei medici, e persino esperti nel mondo delle apnee notturne, in genere non si sono concentrati sul grasso nella lingua per il trattamento dell’apnea notturna”, ha affermato Richard Schwab, MD, capo della medicina del sonno. “Ora che sappiamo che il grasso della lingua è un fattore di rischio e che l’apnea notturna migliora quando il grasso della lingua è ridotto, abbiamo stabilito un obiettivo terapeutico unico che non avevamo mai avuto prima”.

L’apnea notturna è una grave condizione di salute in cui la respirazione si interrompe e inizia in modo ripetuto, causando il risveglio casuale dei pazienti durante i loro cicli di sonno. La condizione, che di solito è caratterizzata da un forte russare, può aumentare il rischio di ipertensione e ictus. Mentre l’obesità è il principale fattore di rischio per lo sviluppo dell’apnea notturna, ci sono altre cause, come avere grandi tonsille o una mascella incassata.
Uno studio del 2014 condotto da Schwab ha confrontato i pazienti obesi con e senza apnea del sonno e ha scoperto che i partecipanti con la condizione avevano lingue significativamente più grandi e una percentuale più alta di grasso della lingua rispetto a quelli senza apnea del sonno. Il passo successivo dei ricercatori è stato determinare se la riduzione del grasso della lingua avrebbe migliorato i sintomi ed esaminare ulteriormente la causa e l’effetto.

Con l’attuale studio, il team ha scoperto che una riduzione del volume di grasso della lingua era il collegamento principale tra perdita di peso e miglioramento dell’apnea notturna.
Lo studio ha anche scoperto che la perdita di peso ha comportato una riduzione dei volumi della pterigoide (un muscolo della mascella che controlla la masticazione) e della parete laterale faringea (muscoli ai lati delle vie aeree). Anche questi cambiamenti hanno migliorato l’apnea notturna, ma non nella stessa misura della riduzione del grasso della lingua.
Gli autori ritengono che il grasso della lingua sia un potenziale nuovo obiettivo terapeutico per migliorare l’apnea notturna. Suggeriscono che studi futuri potrebbero essere progettati per esplorare se alcune diete povere di grassi sono migliori di altre nel ridurre il grasso della lingua.
Il team di Schwab sta inoltre esaminando nuovi interventi e altri fattori di rischio per l’apnea notturna, incluso se alcuni pazienti che non sono obesi ma che hanno lingue “grasse” potrebbero essere predisposti all’apnea notturna, ma hanno meno probabilità di essere diagnosticati.

La linea di fondo, secondo Schwab, è che tutti i pazienti che soffrono di sonnolenza o che sono soliti russare dovrebbero essere sottoposti a screening per l’apnea notturna, indipendentemente dal fatto che sembrino rientrare o meno nelle tipiche categorie obese “ad alto rischio”.
“I medici di base, e forse anche i dentisti, dovrebbero chiedere se il paziente russa o se soffre di sonnolenza e dovrebbe chiederlo a tutti, anche a quelli che hanno un normale indice di massa corporea, poiché, sulla base dei nostri dati, possono anche essere a rischio di apnea notturna”, Schwab disse.

Fonte: Penn Medicine