Siamo in dirittura d’arrivo, al 23° giorno delle ricette dell’Avvento e voglio farvi incuriosire con un ragù proteico ma senza animali. Il ragù di lenticchie può infatti rappresentare una valida alternativa cruelty free al classico ragù alla bolognese, molto più sano e nutriente. Le lenticchie sono dei legumi molto proteici, ricchi di ferro, di acido folico e di fibra, consumati fin dai tempi antichi. Sono presenti in molte varietà, con dimensioni più grandi o più piccole e in molteplici colori: verdi, marroni, rosse. La scelta viene fatta a seconda del proprio gusto personale (a me piacciono proprio tutte).

Ma ecco qui la ricetta.

Ingredienti

250 gr di lenticchie (tenute in ammollo per 12 ore)
300 gr di pomodori pelati
1 cipolla rossa
1 costa di sedano
1 carota
1 spicchio di aglio
3 foglie di alloro
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva spremuto a freddo
Sale marino integrale
Peperoncino (facoltativo)

Preparazione

Pulire le verdure e tritarle con il mixer. Mettere in una pentola poca acqua (circa 30 ml), aggiungere il trito di verdure insieme allo spicchio di aglio schiacciato e procedere con il “soffracqua”, cuocendo per 5 minuti.
Sciacquare le lenticchie (che erano state in ammollo per 12 ore) e unirle al trito di verdure insieme ai pomodori, alle foglie d’alloro, al sale e a mezzo bicchiere d’acqua.
Cuocere il tutto per circa 30 minuti a fiamma dolce. Una volta cotto e spenta la fiamma, aggiungere l’olio e girare. Se piace, mettere un po’ di peperoncino.
Si può usare questo ragù per condire la polenta, il teff, il riso integrale o gli altri cereali.