E’ tempo delle grandi abbuffate: durante le feste natalizie molti riescono ad accumulare chili e malanni, questi ultimi spesso dovuti agli eccessi. In questo periodo sono infatti più frequenti i disturbi digestivi, come bruciori di stomaco, dispepsia, aerofagia, nausea, gastrite, ma anche spossatezza, cefalea, alitosi, oppure possono riacutizzarsi o riapparire sintomi che sembravano appartenere ormai al passato.
Quello che si nota, comunque, è il fatto che il “Natale” inizia ai primi di dicembre e termina a fine gennaio. E’ in questo periodo che troviamo nelle case ogni sorta di dolci natalizi: torroni, cioccolate, panettoni, pandori e altre bombe caloriche sulle quali ci dirigiamo quasi come sonnambuli, senza la minima consapevolezza. E’ proprio questa, la consapevolezza, che dovremmo recuperare: pensare, “esserci” nel momento in cui stiamo per mettere il cibo in bocca, gustando veramente ciò che stiamo ingerendo. Bisogna riflettere sul fatto che tutto ciò che si mangia si trasformerà dentro di noi ed assumerà forme, alcune delle quali ci sono note: sarà le nostre unghie, la nostra pelle, i nostri capelli. E andando in profondità, sarà i nostri ormoni, le basi delle nostre cellule. E andando oltre, sarà il nostro umore, i nostri pensieri. Per questo è importante scegliere con attenzione ciò che mangiamo. E’ importante che l’alimentazione diventi un atto consapevole, non un semplice “portare alla bocca” tutto ciò che si trova. E’ proprio in questo periodo che invece assistiamo all’esatto opposto. Quanti di noi mangiano in maniera esagerata, senza quasi rendersene conto, con la vocina interiore che dice: “dai, che vuoi che ti faccia…? Oppure: “E’ solo un periodo..! Dopo ci rimetteremo in riga!”. Ascoltiamo questa vocina,  e rispondiamole con consapevolezza, mettendo in atto comportamenti costruttivi che ci aiutino a “sopravvivere” anche ai giorni di festa.
Ecco quindi una serie di consigli per il periodo natalizio:

Impara tutte le regole della psicoalimentazione per rimanere in forma nel tempo. Scarica il libro, clicca sulla foto per saperne di più.

  • Evitiamo di comprare cioccolate, torroni, panettoni (tanto c’è chi ce li regala..!), ed in ogni caso cominciamo a leggere le etichette e a comprendere come sono fatti. Documentiamoci sugli ingredienti, magari facendo delle ricerche in internet ed evitiamo quelli ricchi di oli e grassi idrogenati, conservanti e aromi artificiali;
  • Se comunque vogliamo tenerci “liberi” il giorno di Natale ed il 31 dicembre, stiamo comunque attenti nei giorni precedenti o nei successivi: abbondiamo di succhi, spremute, frutta e verdura, evitando di mangiucchiare dolciumi o altri spuntini fuori pasto;
  • Dedichiamo del tempo ad un’attività fisica: una camminata veloce, un’ora di palestra, della ginnastica fatta in casa possono essere utili sia per “smaltire” qualche caloria in più, sia per sgombrare la testa dai pensieri o dalla noia che ci fanno focalizzare in maniera compulsiva verso il cibo;
  • Iniziamo i pasti con delle verdure crude: consumare ricche insalate come antipasto permette di non attaccarci al pane come riempitivo nell’attesa del pasto, inoltre permettono una migliore digestione delle pietanze che andremo ad ingerire;
  • Preparate voi stessi i dolci, seguendo ricette semplici che includono farine fresche, yogurt al posto del burro e malto di riso al posto dello zucchero: sono comunque gustose e ricche di sani nutrienti. Nel sito www.psicoalimentazione.it potete trovare molte ricette, anche di dolci natalizi;
  • Portate in tavola del pane integrale, meglio se fatto con farine di farro appena macinate: sazia di più ed è ricco di sostanze utili per il nostro organismo;
  • Se siete voi a preparare il pranzo di Natale o la cena dell’ultimo dell’anno, evitate di assaggiare per tutto il giorno quello che state cucinando. Spesso non ci rendiamo conto che, un bocconcino alla volta, abbiamo alla fine già consumato molto cibo prima ancora di metterci a tavola!
  • Un rimedio utile se abbiamo digerito male o se abbiamo mal di stomaco o nausea, può essere la “Nux Vomica” 5CH, un prodotto omeopatico da prendere nella dose di 3 granuli mezz’ora dopo i pasti
    Infine, concediamoci tisane o tè verde in abbondanza durante tutto il periodo delle feste natalizie. Ottimo è il tè verde alla cannella e zenzero, oppure una tisana depurativa ottenuta miscelando 50 gr di bardana, 50 gr di cardo mariano, 25 gr di anice 25 gr di liquirizia e 25 gr di menta: si prende un cucchiaio della miscela, si fa bollire per 3 minuti, si aspettano 20 minuti, si filtra e si beve dopo il pasto.

Vuoi conoscere di più sulla psicoalimentazione? Qui sotto trovi i link dei libri  per approfondirne i concetti. Puoi anche seguire la pagina Facebook Dott.ssa Marilù Mengoni – psicoalimentazione, iscriverti al gruppo “I corsi e le news della dott.ssa Marilù Mengoni” o seguire il mio profilo Instagram “marilumengoni”.

Imparando i principi della Psicoalimentazione e mettendoli in pratica, nutrirai corpo e mente e rimarrai in forma nel tempo. Scarica la versione digitale cliccando sulla foto.

 

Risveglia il tuo metabolismo e nutri le tue cellule con la colazione della dott.ssa Budwig. 50 ricette per colorare e nutrire le tue giornate. Ottimo per un regalo natalizio! Clicca sulla foto per acquistare il ibro.

 

Una favola per imparare le regole della psicoalimentazione. Acquistala in formato audiolibro. Clicca sulla foto per ascoltare gratuitamente i primi 21 capitoli.

 

 

Un concentrato di concetti per imparare a nutrirsi in modo corretto, seguendo i principi del metodo Kousmine. Clicca sulla foto per acquistare il libro.