La vita in quarantena può influire negativamente sulla tua salute mentale, causando stress post-traumatico, confusione e persino rabbia, secondo un nuovo studio del King’s College College di Londra.

Lo studio, “The psychological impact of quarantine and how to reduce it: rapid review of the evidence”, è stato pubblicato sulla rivista medica The Lancet. Presenta come Paese dopo Paese – tra cui la Cina, l’Italia, la Francia e la Spagna colpite gravemente – hanno ordinato il blocco delle loro popolazioni per arrestare la diffusione del micidiale coronavirus.

“La quarantena è spesso un’esperienza spiacevole per coloro che la subiscono. La separazione dai propri cari, la perdita della libertà, l’incertezza sullo stato della malattia e la noia possono, a volte, creare effetti drammatici “, hanno scritto i sette ricercatori, tutti associati al dipartimento di medicina psicologica del King’s College di Londra.

I ricercatori hanno basato i loro risultati su 24 studi precedentemente condotti in 10 paesi che hanno messo in quarantena parti della loro popolazione dopo lo scoppio di virus mortali, tra cui la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), l’Ebola, l’influenza H1N1 (influenza suina), le vie respiratorie del Medio Oriente sindrome (MERS) e influenza equina (influenza del cavallo).

La quarantena può portare a dipendenze di vario tipo

Negli studi sulla SARS esaminati, oltre il 20% delle persone in quarantena dopo essere stati in stretto contatto con casi sospetti di SARS ha riferito di avere sentimenti di paura, mentre il 18% ha dichiarato di sentirsi nervoso, il 18% triste e il 10% colpevole. Altri hanno riferito di avere sintomi di stress post-traumatico (PTS). Uno studio ha messo in evidenza che le persone messe in quarantena per più di 10 giorni “hanno mostrato sintomi di stress post-traumatico significativamente più alti” rispetto a coloro che sono stati isolati per un periodo di tempo più breve.

Vivere in quarantena può anche avere effetti negativi a lungo termine, incluso lo sviluppo dell‘abuso di alcol e altri sintomi di dipendenza. Due studi che hanno esaminato gli effetti di quarantena legati al virus SARS hanno mostrato che alcuni operatori sanitari avevano sviluppato sintomi di dipendenza che persistevano fino a tre anni dopo l’epidemia di SARS.

Lo studio ha anche dimostrato che lo sviluppo di tali sintomi può essere amplificato se quelli in quarantena non hanno accesso all’assistenza sanitaria e ai beni di prima necessità. Ma entrano in gioco anche altri fattori. “Le notizie e i media falsi possono alimentare l’ansia citando opinioni contraddittorie degli esperti”, ha detto il professor Neil Greenberg, uno degli autori dello studio, alla FRANCIA 24. “Non solo rendono più difficile per le persone far fronte al loro isolamento, ma far fronte alla pandemia stessa”, ha detto Greenberg.

Ha aggiunto che anche gli effetti socio-economici di una pandemia gravano pesantemente sulle menti delle persone.

“Gravi difficoltà finanziarie possono portare a problemi di salute mentale”, ha detto Greenberg .

Come può essere gestito tutto questo a livello di informazione?

Oltre a elencare gli effetti negativi della vita in quarantena, i ricercatori hanno anche presentato un elenco di cose che possono aiutare a compensare – o persino a prevenire – le conseguenze psicologiche dell’isolamento causato dalla quarantena.

Fornire a coloro che sono messi in quarantena “quante più informazioni possibili”, hanno osservato i ricercatori, in modo che comprendano chiaramente i rischi che potrebbero affrontare se non fossero isolati, nonché i motivi per cui sono stati messi in quarantena.

“Rafforzare la quarantena sta aiutando a proteggere gli altri, compresi quelli particolarmente vulnerabili (come quelli che sono molto giovani, anziani o con condizioni mediche gravi preesistenti) e che le autorità sanitarie sono sinceramente grate a loro, può solo aiutare a ridurre il effetto sulla salute mentale e aderenza in quelli in quarantena “, hanno scritto.

Hanno anche raccomandato di creare una linea telefonica o un servizio online dedicato a rispondere alle domande sulla malattia in questione e su cosa dovrebbero fare le persone se dovessero sviluppare sintomi. “Questo servizio mostrerebbe a coloro che sono messi in quarantena che non sono stati dimenticati e che i loro bisogni di salute sono importanti tanto quanto quelli del grande pubblico.”

Cosa puoi fare tu? Resta occupato

Oltre a garantire che coloro che sono messi in quarantena abbiano accesso a beni di prima necessità come cibo e medicine, lo studio afferma che le autorità devono dare la priorità a fornire alle persone gli strumenti appropriati, come l’accesso a Internet senza censura e gli smartphone, per evitare la noia. Questo aiuta a ridurre l’ansia e il disagio. “Devi permettere alle persone di rimanere in contatto con i loro amici e familiari, nonché con i loro colleghi, tramite e-mail, social media, videoconferenze e così via”, ha dichiarato Greenberg a FRANCE 24.

Greenberg ha anche affermato che è importante che le persone in quarantena mantengano uno stile di vita sano. “Questo è un momento per cercare di dormire bene, mangiare sano, fare attività fisica il più possibile ed evitare abitudini malsane come bere o fumare troppo o giocare d’azzardo.”

Infine, lo studio ha messo in guardia le autorità dall’estensione delle quarantene. Greenberg avverte:

“Le autorità devono rispettare la durata di una quarantena e non estenderla. Fare il contrario sarebbe particolarmente dannoso per la salute mentale”.

Un libro che aiuta a rimanere centrati e a ritrovare l’equilibrio psicologico in un mondo in mutamento. Clicca sulla foto per saperne di più.

Fonte: France 24