Un gruppo internazionale di 17 eminenti scienziati ha prodotto una valutazione completa ma concisa dello stato della civiltà, avvertendo che le prospettive sono più terribili e pericolose di quanto generalmente si creda.

Una perdita di biodiversità e l’accelerazione del cambiamento climatico nei prossimi decenni, insieme all’ignoranza e all’inazione, stanno minacciando la sopravvivenza di tutte le specie, inclusa la nostra, secondo gli esperti di istituzioni tra cui la Stanford University, la UCLA e la Flinders University.
I ricercatori affermano che i leader mondiali hanno bisogno di una “doccia fredda” per quanto riguarda lo stato del nostro ambiente, sia per pianificare che per agire in modo da evitare un futuro orribile.
L’autore principale, il professor Corey Bradshaw della Flinders University, afferma che lui e i suoi colleghi hanno riassunto lo stato del mondo naturale in una forma cruda per aiutare a chiarire la gravità della situazione umana.

“L’umanità sta causando una rapida perdita di biodiversità e, con essa, la capacità della Terra di sostenere la vita complessa. Ma il mainstream ha difficoltà a cogliere l’entità di questa perdita, nonostante la costante erosione del tessuto della civiltà umana “, afferma il professor Bradshaw.

In effetti, la portata delle minacce alla biosfera e a tutte le sue forme di vita è così grande che è difficile da afferrare anche per esperti ben informati.

“Il problema è aggravato dall’ignoranza e dall’interesse personale a breve termine, con la ricerca della ricchezza e degli interessi politici che ostacolano l’azione che è cruciale per la sopravvivenza”, afferma.

Il professor Paul Ehrlich della Stanford University afferma che nessun sistema politico o economico, o leadership, è pronto a gestire i disastri previsti, o addirittura capace di tale azione.

“Fermare la perdita di biodiversità non è neanche lontanamente la cima delle priorità di nessun paese, essendo molto indietro rispetto ad altre preoccupazioni come l’occupazione, l’assistenza sanitaria, la crescita economica o la stabilità valutaria.
Sebbene sia una notizia positiva che il presidente eletto Biden intenda coinvolgere nuovamente gli Stati Uniti nell’accordo sul clima di Parigi entro i suoi primi 100 giorni dal mandato, è un gesto minuscolo data la portata della sfida.
L’umanità sta gestendo uno schema Ponzi ecologico in cui la società deruba la natura e le generazioni future per pagare oggi il miglioramento economico a breve termine“.

“La maggior parte delle economie opera sulla base del fatto che la contromossa ora è troppo costosa per essere politicamente appetibile. In combinazione con le campagne di disinformazione per proteggere i profitti a breve termine, è dubbio che la portata dei cambiamenti di cui abbiamo bisogno sarà attuata in tempo ”dice il professor Ehrlich.

Il professor Dan Blumstein dell’UCLA afferma che gli scienziati stanno scegliendo di parlare con coraggio e senza paura perché la vita dipende letteralmente da questo.
“Quello che stiamo dicendo potrebbe non essere popolare, e in effetti è spaventoso. Ma dobbiamo essere schietti, accurati e onesti se l’umanità vuole comprendere l’enormità delle sfide che dobbiamo affrontare nella creazione di un futuro sostenibile.
Senza la volontà politica sostenuta da un’azione tangibile che soppesi l’enormità dei problemi che ci troviamo ad affrontare, gli stress aggiuntivi alla salute, alla ricchezza e al benessere umani diminuiranno perversamente la nostra capacità politica di mitigare l’erosione del sistema di supporto vitale della Terra da cui dipendiamo tutti.

“La crescita e il consumo della popolazione umana continuano ad aumentare e siamo ancora più concentrati sull’espansione dell’impresa umana che sull’ideazione e sull’implementazione di soluzioni a questioni critiche come la perdita di biodiversità. Quando avremo compreso appieno l’impatto del deterioramento ecologico, sarà troppo tardi.

“Senza comprendere pienamente e trasmettere la portata dei problemi e l’enormità delle soluzioni richieste, la società non riuscirà a raggiungere anche i modesti obiettivi di sostenibilità, e la catastrofe seguirà sicuramente”, conclude il professor Blumstein.

Gli esperti affermano che il loro documento “prospettico”, che cita più di 150 studi, cerca di delineare in modo chiaro e inequivocabile le probabili tendenze future in termini di declino della biodiversità, estinzione di massa, perturbazioni climatiche, tossificazione planetaria, tutti legati al consumo umano e alla crescita della popolazione per dimostrare la quasi certezza che questi problemi peggioreranno nei prossimi decenni, con impatti negativi per i secoli a venire. Spiega anche l’impatto dell’impotenza politica e l’inefficacia delle azioni attuali e pianificate per affrontare la scala minacciosa dell’erosione ambientale.

Il documento prospettico “Underestimating the challenges of avoiding a ghastly future” è pubblicato in Frontiers in Conservation Science 1: 615419 [13 gennaio 2021 DOI: 10.3389 / fcosc.2020.615419]

Fonte: Flinders University