Il primo studio che esamina l’effetto del collutorio alla clorexidina sull’intero microbiota orale ha scoperto che il suo uso aumenta significativamente l’abbondanza di batteri che producono lattato che abbassano il pH della saliva e possono aumentare il rischio di danni ai denti.

Un team guidato dal Dott. Raul Bescos della Faculty of Health dell’Università di Plymouth ha somministrato un collutorio placebo ai soggetti per sette giorni, seguito da sette giorni di collutorio alla clorexidina.

Alla fine di ogni periodo, i ricercatori hanno effettuato un’analisi dell’abbondanza e della diversità dei batteri nella bocca – il microbiota orale – oltre a misurare il pH, la capacità tampone della saliva (la capacità di neutralizzare gli acidi in bocca), il lattato , il glucosio e la concentrazione di nitrati e nitriti.

Il collutorio alla clorexidina aumenta l’acidità nella bocca

La ricerca, pubblicata su Scientific Reports, ha scoperto che l’uso di collutorio alla clorexidina nei sette giorni ha portato a una maggiore abbondanza di specie all’interno delle famiglie di Firmicutes e Proteobacteria, e meno Bacteroidetes, TM7 e Fusobacteria. Questo cambiamento è stato associato ad un aumento di acidità, evidenziato da un basso pH salivare e capacità tampone.

Nel complesso, è stato scoperto che la clorexidina riduce la diversità microbica nella bocca, sebbene gli autori abbiano avvertito che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se questa riduzione della diversità stessa aumenti il rischio di malattia del cavo orale.

Uno dei ruoli principali della saliva è quello di mantenere un pH neutro in bocca, poiché i livelli di acidità fluttuano a seguito di ciò che  mangiamo e beviamo. Se il pH della saliva diventa troppo basso, possono verificarsi danni ai denti e alla mucosa – tessuto che circonda i denti e all’interno della bocca.

La ricerca ha anche confermato i risultati di precedenti studi che indicano che la clorexidina ha compromesso la capacità dei batteri orali di trasformare il nitrato in nitrito, una molecola chiave per ridurre la pressione sanguigna. Dopo l’uso di collutorio con clorexidina sono state rilevate concentrazioni inferiori di saliva e nitriti plasmatici, seguite da un aumento della pressione arteriosa sistolica. I risultati hanno supportato ricerche precedenti condotte dall’Università che hanno dimostrato che l’effetto di abbassamento della pressione dell’esercizio fisico è significativamente ridotto quando le persone si sciacquano la bocca con collutorio antibatterico anziché acqua.

Il dott. Bescos ha dichiarato: “C’è una sorprendente mancanza di conoscenza e letteratura dietro l’uso di questi prodotti. Il collutorio alla clorexidina è ampiamente usato ma la ricerca si è limitata ai suoi effetti su un piccolo numero di batteri legati a particolari malattie orali e la maggior parte è stata condotta in vitro. Riteniamo che questo sia il primo studio a esaminare l’impatto dell’uso di 7 giorni sull’intero microbiota orale nei soggetti umani”.

La dott.ssa Zoe Brookes e la dott.ssa Louise Belfield, docenti presso la Peninsula Dental School dell’Università di Plymouth, sono coautrici dello studio.

La dott. Belfield ha dichiarato: “Abbiamo notevolmente sottostimato la complessità del microbiota orale e l’importanza dei batteri orali in passato. Tradizionalmente l’opinione era che i batteri sono cattivi e causano malattie. Ma ora sappiamo che la maggior parte dei batteri, sia in bocca che nell’intestino, sono essenziali per sostenere la salute umana “.

La dott. Brookes ha aggiunto: “Come dentisti, abbiamo bisogno di maggiori informazioni su come i collutori alterano l’equilibrio dei batteri orali, in modo da poterli prescrivere correttamente. Questo documento è un primo passo importante per raggiungere questo obiettivo.

“Di fronte al recente scoppio di COVID-19 molti dentisti stanno ora utilizzando la clorexidina come pre-risciacquo prima delle procedure dentali. Abbiamo urgentemente bisogno di maggiori informazioni su come funziona sui virus “.

Fonte: University of Plymouth