L’insonnia, o l’incapacità di dormire, affligge le persone di notte rendendo difficile addormentarsi, rimanere addormentati o dormire bene. L’insonnia si fa anche sentire durante il giorno attraverso la sonnolenza diurna, l’incapacità di fare un pisolino e sentirsi ansiosi, irritabili, smemorati o incapaci di concentrarsi.

L’insonnia è un sintomo

Sebbene sia il disturbo del sonno più comune, l’insonnia non è in realtà un disturbo. Piuttosto, è un sintomo, come la febbre o il dolore. Trovare un rimedio richiede di scoprire la causa. Quasi la metà dei casi di insonnia deriva da problemi psicologici o emotivi. Eventi stressanti, depressione lieve o disturbo d’ansia possono tenere le persone sveglie di notte. Quando la causa sottostante viene trattata con successo, l’insonnia di solito scompare. In caso contrario, può essere utile concentrarsi sul miglioramento del sonno.

Il circolo vizioso

L’insonnia può innescare un circolo vizioso. Dopo aver vissuto alcune notti insonni, alcune persone iniziano ad associare la camera da letto con l’essere svegli. Fare un sonnellino, sorseggiare un caffè, bere un bicchierino alcolico o rinunciare all’esercizio fisico non fa che alimentare il problema. Con il peggioramento dell’insonnia, anche l’ansia per l’insonnia può peggiorare. In poco tempo, la paura dell’insonnia e le sue conseguenze diventano la causa principale dell’insonnia.
Non è insolito che chi soffre di insonnia trascorra più tempo a letto, sperando che questo porti al sonno.

Una sorprendente soluzione

Sorprendentemente, passare meno tempo a letto – una tecnica nota come restrizione del sonno – promuove un sonno più riposante e ripristina il ruolo della camera da letto come un luogo tranquillo dove riposare, invece di una stanza di tormento. Prima di tutto impari ad addormentarti rapidamente e a dormire sonni tranquilli, poi  allunghi lentamente il tempo in cui resti a letto, fino ad ottenere un sonno notturno completo.
Alcuni esperti del sonno suggeriscono di iniziare con sei ore all’inizio o per qualsiasi periodo di tempo in genere dormi di notte. L’impostazione di un rigido orario mattutino di risveglio spesso funziona meglio. Se la sveglia è impostata per le 7 del mattino, ad esempio, una restrizione di sei ore significa che non importa quanto tu abbia sonno, devi rimanere sveglio fino all’una di notte. Una volta che dormi bene durante le sei ore assegnate, puoi aggiungerne altri 15 o 30 minuti, quindi ripeti il processo fino a quando non ottieni una buona quantità di sonno (variabile dalle 7 alle 9 ore).

Fonte: Harvard Medical School