Lo studio è stato condotto dall’Università di Exeter – pubblicato simultaneamente su JAMA e presentato all’Alzheimer’s Association International Conference 2019 a Los Angeles. La ricerca ha rilevato che il rischio di demenza era del 32% inferiore nelle persone ad alto rischio genetico se avevano seguito uno stile di vita sano, rispetto a coloro che avevano uno stile di vita non sano.
I partecipanti con alto rischio genetico e uno stile di vita sfavorevole avevano quasi tre volte in più la probabilità di sviluppare demenza rispetto a quelli con un basso rischio genetico e uno stile di vita favorevole.


L’autrice principale congiunta, la dott.ssa Elżbieta Kuźma, presso l’Università di Exeter Medical School, ha dichiarato: “Questo è il primo studio che analizza analizzare in che misura è possibile compensare il rischio genetico di demenza vivendo uno stile di vita sano. Le nostre scoperte sono entusiasmanti in quanto mostrano che possiamo agire per cercare di compensare il nostro rischio genetico per la demenza. Attenersi a uno stile di vita sano è associato a un ridotto rischio di demenza, indipendentemente dal rischio genetico.”
Lo studio ha analizzato i dati di 196.383 adulti di discendenza europea di età pari o superiore a 60 anni della Biobank britannica. I ricercatori hanno identificato 1769 casi di demenza in un periodo di follow-up di otto anni. Il team ha raggruppato i partecipanti in quelli con rischio genetico alto, medio e basso per la demenza.
Per valutare il rischio genetico, i ricercatori hanno esaminato i dati pubblicati in precedenza e identificato tutti i fattori di rischio genetici noti per il morbo di Alzheimer. Ogni fattore di rischio genetico è stato ponderato in base alla forza della sua associazione con la malattia di Alzheimer.

Per valutare lo stile di vita, i ricercatori hanno raggruppato i partecipanti in categorie favorevoli, intermedie e sfavorevoli in base alla loro dieta autodichiarata, all’attività fisica, al fumo e al consumo di alcol. I ricercatori hanno considerato il fumo, l’attività fisica regolare, una dieta sana e un consumo moderato di alcol come comportamenti sani. Il team ha scoperto che vivere uno stile di vita sano è associato a un ridotto rischio di demenza tra tutti i gruppi a rischio genetico.
L’autore principale congiunto, il dott. David Llewellyn, dell’Università di Exeter Medical School e l’Istituto Alan Turing, ha dichiarato: “Questa ricerca offre un messaggio davvero importante che mina la visione fatalistica della demenza. Alcune persone credono che sia inevitabile che svilupperanno la demenza a causa della loro genetica. Tuttavia sembra che tu possa essere in grado di ridurre sostanzialmente il rischio di demenza vivendo uno stile di vita sano.”

Fonte: University of Exeter

Uno stile di vita sano, per prevenire molte malattie dell’era moderna. Acquistalo ora!