Una ricetta per la longevità è semplice, anche se non facile da seguire: mangia di meno. Molti studi hanno dimostrato che limitare le calorie può portare a una vita più lunga e più sana.

Ora, una nuova ricerca suggerisce che i ritmi quotidiani del corpo svolgono un ruolo importante in questo effetto di longevità. In questo studio pubblicato su Science, i ricercatori hanno scoperto che è importante anche quando si mangia.

La ricerca aiuta a districare la controversia sui piani dietetici che enfatizzano il mangiare solo in determinati momenti della giornata, afferma Takahashi, un biologo molecolare presso il Southwestern Medical Center dell’Università del Texas. Tali piani potrebbero non accelerare la perdita di peso negli esseri umani, come riportato da un recente studio sul New England Journal of Medicine, ma potrebbero comportare benefici per la salute che si sommano a una durata della vita più lunga.

Fontana della Giovinezza

Decenni di ricerca hanno scoperto che la restrizione calorica estende la durata della vita degli animali che vanno da vermi e mosche a topi, ratti e primati. Questi esperimenti riportano una perdita di peso, una migliore regolazione del glucosio, una pressione sanguigna più bassa e una ridotta infiammazione. Ma è stato difficile studiare sistematicamente la restrizione calorica nelle persone, che non possono vivere in un laboratorio e mangiare porzioni di cibo misurate per tutta la vita, afferma Sai Krupa Das, una scienziata nutrizionista presso il Centro di ricerca sulla nutrizione umana dell’USDA Jean Mayer.
Das ha fatto parte del gruppo di ricerca che ha condotto il primo studio controllato sulla restrizione calorica negli esseri umani, chiamato Comprehensive Assessment of Long-term Effects of Reducing Intake of Energy, o CALERIE.

In quello studio, anche una modesta riduzione delle calorie “era notevolmente benefica” per ridurre i segni dell’invecchiamento, afferma Das.

Gli scienziati stanno appena iniziando a capire come la restrizione calorica rallenti l’invecchiamento a livello cellulare e genetico. Man mano che si invecchia, i geni legati all’infiammazione tendono a diventare più attivi, mentre i geni che aiutano a regolare il metabolismo diventano meno attivi. Il nuovo studio di Takahashi ha scoperto che la restrizione calorica, specialmente se programmata in base al periodo di attività [periodo diurno per le persone], ha contribuito a compensare questi cambiamenti genetici con l’invecchiamento.

Questione di tempo

Gli ultimi anni hanno visto l’ascesa di molti programmi dietetici popolari incentrati su ciò che è noto come digiuno intermittente, digiuno a giorni alterni o mangiare solo per un periodo da sei a otto ore al giorno. Per svelare gli effetti delle calorie, del digiuno e dei ritmi quotidiani o circadiani sulla longevità, il team di Takahashi ha intrapreso un ampio esperimento di quattro anni.

I risultati suggeriscono che mangiare a tempo limitato ha effetti positivi sul corpo, anche se non promuove la perdita di peso, come suggerito dallo studio del New England Journal of Medicine.

Takahashi sottolinea che anche il suo studio non ha riscontrato differenze nel peso corporeo con diversi orari di alimentazione,

“tuttavia, abbiamo riscontrato profonde differenze nella durata della vita“, afferma.

Rafael de Cabo, ricercatore di gerontologia presso il National Institute on Aging di Baltimora, afferma che il paper Science

“è una dimostrazione molto elegante che anche se stai limitando le calorie ma non [mangiando al momento giusto], non ottieni tutti i benefici della restrizione calorica”.

Takahashi spera che imparare come la restrizione calorica influenzi gli orologi interni del corpo mentre invecchiamo aiuterà gli scienziati a trovare nuovi modi per prolungare la vita sana degli esseri umani. Ciò potrebbe derivare da diete ipocaloriche o da farmaci che imitano gli effetti di quelle diete. Nel frattempo, Takahashi sta prendendo una lezione dai suoi topi: limita il proprio mangiare a un periodo di 12 ore.

Fonte: Howard Hughes Medical Institute. Nota: il contenuto può essere modificato per stile e lunghezza.